Sports Injury_edited.jpg

INFORTUNI SPORTIVI

L’osteopata valuta l’atleta nel suo complesso, individua cause e sintomi di disfunzioni e disturbi che possono essere la causa di infortuni o impedimenti nel migliorare le proprie prestazioni, interviene su di essi in modo da ristabilire armonia ed equilibrio.

Essa si avvale di una valutazione generale delle condizioni fisiche dell’atleta prendendo in esame l’apparato scheletrico e muscolare, l’aspetto neurologico e cardio-vascolare.


Prevenzione dell’infortunio

L’intervento manipolativo osteopatico nella valutazione del corretto funzionamento del sistema fasciale, articolare e muscolare coinvolti negli schemi e gesti motori dell’atleta permette di prevenire e ridurre incidenti nel tempo e migliorare il gesto atletico.
In particolare il gesto atletico ha un ruolo importante in quegli sport, dove il gesto tecnico è ripetuto molteplici volte. Ne sono un esempio la bracciata del nuotatore, la schiacciata o l’alzata del pallavolista, il lancio del baseball o lo swing del giocatore di golf.
La manipolazione osteopatica in questa ottica diventa un’importante strumento di prevenzione perché riduce l’instaurarsi di schemi motori scorretti causati da disfunzioni, l’usura nel tempo, con rischi di infortuni alle strutture muscolo-scheletriche.

Migliorare le prestazioni fisiche

Grazie alla sensibilità che ogni atleta ha nel percepire l’efficienza del proprio corpo è in grado di capire quando e quanto l’osteopatia sia utile durante le varie fasi della stagione, sia durante la preparazione fisica che in prossimità delle competizioni e dei grandi eventi.
Il trattamento manipolativo osteopatico ha la possibilità di consentire all’osteopata di farsi apprezzare dall’atleta perché, oltre a portare un miglioramento posturale e quindi diminuire gli sforzi della prestazione, permette di rendere più efficace e più fluido il gesto atletico che deve essere eseguito.

Preparazione alle gare

Gli atleti durante la preparazione possono essere sottoposti a carichi di lavoro fisici e psichici particolarmente esaurienti. Nell’osteopatia questi fattori stressanti possono trovare un rimedio estremamente utile nei loro confronti.
Dopo una valutazione iniziale e un preciso approccio manuale dei diversi sistemi muscolo-scheletrico, cardio-vascolare e nervoso autonomo, la risoluzione di tutte le possibili disfunzioni risulta di grande sostegno all’atleta in prossimità o durante periodi in cui si sottopone ad intensi carichi di lavoro per la preparazione delle gare ed eventi agonistici impegnativi.

Abbreviare i tempi di recupero post-infortunio

In questo frangente l’osteopata si pone come obiettivo primario, insieme ad altre figure come il medico sportivo e il fisioterapista, di aiutare l’atleta al recupero della funzioni alterate a causa dell’infortunio.
In particolare il suo intervento sarà quello di interviene negli schemi posturali compensatori e nel recupero tessutali danneggiati attraverso tecniche manipolative osteopatiche al fine di non rischiare di perdere tonicità e prestazioni acquisiste prima dell’infortunio.
Il lavoro dell’osteopata sarà di ricercare, valutare e intervenire con un approccio esclusivamente manuale tutte le disfunzioni e ridare all’atleta la possibilità di ricominciare ad allenarsi il prima e in maniera più serena possibile.